Translate in other Languages

domenica 14 novembre 2010

Non Gene & Sei ma Genesis !

...ovvero la storia del primo concerto all'estero dei Genesis e la prima registrazione audio catturata live dai fans.



Pierre Vermandel
 
L'antefatto. Il titolo di questo articolo non è un gioco di parole ma è quanto fu detto quasi 40 anni fa in Belgio, a Bruxelles, tra Paul Andrè e Pierre Vermandel  (meglio conosciuto, quest'ultimo, come Piero Kenroll).
Piero Kenroll nel 1965 crea il "Club delle Aquile" ("Club des Aigles"), un'associazione giovanile, "militarista" e organizzata, nata con lo scopo di far conoscere il rock/pop anglosassone in Belgio. Spinge il suo gruppo fino a farlo diventare un covo di rockers puri e duri e regolarmente vanno a sostenere i gruppi locali che cantano in lingua inglese.
E più tardi il club organizzerà in proprio i concerti.


Il Club delle Aquile - Piero Kenroll è l'ultimo a destra


Piero intende partecipare all'evoluzione dei gusti del pubblico belga in materia musicale. Così tenta, con testardagine e con azioni di stampo "militare" di fare prendere coscienza agli organizzatori di spettacoli che i cantanti francesi che traducono impunemente i testi originali sono soltanto dei volgari predatori, indegni di essere applauditi come "vedette". Titanica impresa che non si realizzerà sempre senza disaccordi. Nel 1968, la banda "dei difensori del rock" non esiterà ad attaccare Claude François al Festival di Chatelet  rendendogli la vita impossibile sulla scena. Nicoletta, un'altra cantante belga, che è al suo primo concerto all'aperto, riceverà casse di pomodori che la faranno cadere... letteralmente dal palco. "Ariane et les 10-20" avrà più fortuna. Non riceverà pomodori. "I militanti del rock" si accontenteranno di girargli la loro parte posteriore durante la sua prestazione.

Non ho ancora parlato di Paul André. E' il più vecchio della banda ed è il pacifista del gruppo. Anziché manifestare, Paul attiva i contatti necessari con le agenzie di spettacolo a Londra ed in Olanda. Scopo: fare venire dai gruppi stranieri in Belgio.
Paul André
E così "il Club delle Aquile" organizzerà i primi concerti di ROCK BRITANNICO a Bruxelles; in particolare con i "Kinks" che gli organizzatori porteranno alla Salle Régina. Paul parteciperà al tour di "Manfred Mann" e prenderà i primi contatti con i "Pink Floyd" che porterà al Cheetah Club.
Nell'ottobre del 1969, Paul André e Pierre Vermandel decidono di associarsi per creare l'agenzia Century. Paul ha orrore di occuparsi dei problemi finanziari. S'incaricherà, perciò, della parte commerciale ed artistica. Pierre Vermandel, invece, si occuperà dei contratti, del pagamento dei chachet e dell'organizzazione dei tour. Nello stesso tempo, Pierre Vermandel diventa giornalista per il magazine "Télé-Moustique". Il suo nome di battaglia: Piero Kenroll. Crea una rubrica, anche con lo scopo di difendere le sue idee. Nasce così "Pop Hot".Con le sue critiche ed il suo entusiasmo, quella rubrica terrà i suoi fedeli lettori con il cuore palpitante, ogni settimana.
Con il sostegno di Télé-Moustique al suo nuovo cronista, Paul e Piero decidono di organizzare concerti o piccoli festival di rock con gruppi che non sono mai venuti prima in Belgio. Piero da il nome all'evento: "I Pop Hot Shows".


Agenzia Century - Bruxselles


Ne organizzeranno cinque. Con gli Yes, East of Eden, Fynn Mc Cool, Wild Angels, Man, Cubby and The Blizzard, Ekseption, Kleptomania, ecc..
A gennaio del 1971 Piero parla di Philippe Grombeer a Paul.
Philippe Grombeer (futuro direttore artistico dei maggiori teatri belgi) è un membro del "Club delle Aquile", ed ha affittato, per conto dell'amministrazione comunale, un'azienda agricola a Woluwe-Saint-Lambert (un sobborgo di Bruxelles), la "FERME V".Lo spazio non è grande, l'interno è vetusto, ma che importa!
Piero Kenroll è affascinato dalla musica dei Genesis e dallo stile di voce del suo cantante, Peter Gabriel. Insiste affinché vengano presi contatti con la loro agenzia londinese, la Terry King Associates, e di conoscere le loro condizioni contrattuali.
Peter Gabriel - Primavera del 1971


Il contratto firmato dalla TKA per portare i Genesis in Belgio - febbraio 1971

- Pronto Paul? Ho una notizia bomba per te.
C'è un gruppo sconosciuto che si chiama Genesis.
Cosa? Non Gene & Sei, ma Genesis, come la genesi in francese. Sì. Inglesi ovviamente. Non potresti informarti se c'è la possibilità di averli per la "FERME V"? Nessuno ha ancora sentito parlare di loro e perciò penso che con costeranno molto.
Te lo garantisco, sto ascoltando il loro secondo album, ne vale veramente la pena
(ndr: Trespass).


Piero Kenroll ha sempre potuto contare su Paul André.
Organizzano un passaggio alla TV belga, a POP SHOP (ndr: è il primo Pop Shop e non quello successivo del 1972, video che ad oggi pare "disperso"), e riescono ad aggungere anche un'esibizione pubblica nelll'azienda agricola FERME V, il primo concerto dei Genesis al di fuori dell'Inghilterra. Dal 7 al 9 marzo 1971 i Genesis sono in Belgio. Come responsabile della programmazione rock all'azienda agricola FERME V, Piero Kenroll firma il contratto con la Terry King Associates per 12.000 franchi (equivalenti a circa 600 euro odierni).
"Trespass" sta abbagliando Piero Kenroll, annuncia il concerto con una fotografia del gruppo a piena pagina su POP - HOT e non esista a scrivere che i Genesis sarannò delle star nel prossimo futuro.


L'articolo apparso nella rubrica POP HOT di Télé-Moustique, febbario 1971
La Charisma di Tony Stratton-Smith, parimenti, invia agli audaci organizzatori belgi questa biografia dei Genesis.


Intanto alla cascina FERME V...

La FERME significa in lingua anglosassone "Farm" ovvero "fattoria". Anche in lingua francofona significa "fattoria".
Il nome completo è "La Ferme Musschen ter Hof". Si tratta di una vera azienda agricola che era in funzione fino al 1960. L'indirizzo esatto è "Avenue Mounier n ¡2, 1200 Bruxelles". Infatti Woluwe-Saint-Lambert è uno dei 19 comuni che formano l'entità di Bruxelles, la capitale del Belgio.

"Woluwe" è in realtà un piccolo fiume che scorre a circa 200 metri dalla fattoria. Non molto tempo fa, l'intera regione intorno alla fattoria era una palude enorme. Centinaia di diversi tipi di uccelli, animali e piante che vivevano in un'incredibile ambiente naturale. Ora è solo un incubo di strade ed edifici, con l'aeroporto internazionale di Bruxelles ad un paio di chilometri di distanza. Un caos indescrivibile.
Ma non intorno alla FERME V. 
Grazie agli sforzi di un gruppo di persone innamorate del posto che hanno costretto le autorità a comprare la fattoria intorno al 1970. Il comune lì ha stabilito il suo Centro Culturale, il che significava anche una sala teatro e concerti. La regione intorno alla fattoria è da allora una riserva protetta, dove la natura selvaggia è conservata come lo è stato nel 1970.
I Genesis al loro arrivo si trovano a suonare nella sala che fu, pochi anni prima, la stalla della fattoria. Soffitto basso tenuto sù con grossi travi di legno a mò di putrelle e alcune lampade che illuminavano la sala. Quelle travi di legno avranno il loro momento di gloria quando Peter Gabriel, nell'enfasi conclusiva di The Knife, riuscirà a darci una craniata che, credo, ancor oggi lui ricorda bene.
I ragazzi all'interno della sala alla Ferme V, 7 marzo 1971
L'ingresso della FERME V

La scaletta del concerto:

Happy the Man
Stagnation
The Light
Twilight Alehouse
The Musical Box
The Knife
Going Out to Get You

Uno sguardo al mondo dei primi Genesis ascoltando il nastro di questa registrazione amatoriale (cfr: HogWeed 12 da Genesis-Movement).
L'impressione è di quanto sia buono il sound della band. Nonostante i ricordi su quanto erano scarse le attrezzature e gli impianti dei Genesis degli inizi, e come spesso erano dilettantesche le preparazioni e il supporto dei promoters locali, questo documento audio rivela una bella prestazione. Ricordiamoci che avevano perso Ant Phillips da circa 10 mesi, Phil Collins era entrato nel gruppo da solo 7 mesi e per ultimo Steve Hackett era entrato nei Genesis da circa 50 giorni. Quindi ci si poteva aspettare qualcosa di molto mediocre.
Questo è però evidente in alcuni passaggi, come le linee di chitarra di Steve in Twilight Alehouse.
Cosa molto interessante è che la scaletta è molto simile alla setlist che avrebbero suonato nell'anno a venire. Si partiva con Happy The Man e a seguire Stagnation, poi Twilight Alehouse e The Musical Box (ancora nel suo sviluppo embrionale, con la sezione centrale identica a quella registrata per le sessioni del 1971 alla BBC), e concludeno The Knife e Going Out to Get You.


Il tesoro inatteso, e unico, di questa registrazione è la performance di The Light, una canzone di Phil Collins che non hanno mai registrato in studio. Alcuni elementi del brano riappariranno anni dopo nel The Lamb Lies Down On Broadway. E immediatamente riconoscibile è la canzone principale, la musica che divenne Lillywhite Lilith nel Lamb e anche il titolo del brano sembra anticipare i testi di Gabriel; "2 golden globes float into the room, and a blaze of white light, fills the air". C'è anche un riff di tastiere nel mezzo di The Light che riemergono in Raven e l'intro del basso sembra che faccia eco alla intro di "In the Cage" e "Back in NYC".
Il manifesto appeso alla porta della FERME V.

Nessun commento:

Posta un commento